Il Crostis, un rischio inutile ma percorribile


Le polimiche non si sono fate mancare sul divieto nella tappa che vedeva l’arrivo al Zoncolan. La salita molto simile a quella del Mortirolo ma la discesa non era per niente paragonabile, ma è chiaro che gli organizzatori ed in particolare il comitato locale hanno fatto uno sforzo tremendo e pazzesco ottenendo un ottimo lavoro e le misure di sicurezza preso avevano ridotto al minimo le zone di pericolo.

Anche se il tutto era fattibile, l’UCI tuttavia non l’aveva vietato la traversata su quella strada, ma erano dei criteri puramente tecnici nella quale la sportività non era garantita, como ha applicato l’articolo 1.2.130 del regolamento. Perchè questo? ovvio, per 37 chilometri, non si sarebbe garantito il servire i ciclisti con le ammiraglie.

Tanti fischi per Contador che è la maglia rossa in carica. Chi era a favore a fare quel cammino erano i team della Liquigas, Lampre, Acqua & Sapone, Colnago e Androni.

Annunci
di Publionline2000 Inviato su Serie A