Fanno discutere le dichiarazioni di Tomassi sull’omosessualità


Damiano Tommasi, l’attuale presidente del sindacato dei giocatori italiani ‘ha fatto alcune dichiarazioni controverse il Martedì in un programma televisivo popolare, che consiglia i giocatori di calcio gay, di non andare pubblico, secondo La Voz Digital.

Il giocatore Levante che è stato durante il programma ha toccato temi caldi di oggi, tra cui in particolare il calcio, la politica e l’omosessualità, “prendere pubblicamente è qualcosa che può portare ad imbarazzo e disagio”, ha detto Tomassi.

“Il fatto di essere identificato o contrassegnati come ‘è’, indipendentemente dalla professione, giornalista o politico di calcio, non credo sia consigliabile prendere una decisione,” il sindacato consiglia in ogni momento mantenere la condizione sesso con la massima di silenzio, di non essere identificato da chiunque.

“L’omosessualità è ancora un tabù nel calcio, perché c’è un altro tipo di vita rispetto ad altre professioni (…)” sessualità è difficile esprimere il personale su tutti gli ambienti professionali, e, anzi, per un calciatore egli condivide uno spogliatoio con i suoi compagni di squadra, e quindi anche la loro privacy “.

Voleva chiarire che ci sono professioni in cui si ammettono apertamente lo status sessuale ha meno impatto rispetto a un mondo così stretto come il calcio.

“Personalmente, non ho mai incontrato ‘gay’ un calciatore, ma forse non conoscevo le loro tendenze omosessuali”, ha osservato l’ex calciatore.

Queste controverse dichiarazioni puden guidare il sindacato giocatori italiani il presidente a dover ritrattare o spiegare, come ho dovuto fare Blatter (attuale presidente della FIFA), nelle sue dichiarazioni sul razzismo in campi da calcio.

Annunci
di Publionline2000 Inviato su Serie A