Calciatore confessa di aver ucciso la sua fidanzata


Andrew Hall che milita nelle giovanili dello Stoke City, ha parlato e dichiarato di essere stato l’autore dell’omicidio di Megan Leigh, la sua fidanzatina di soli 15 anni, lui diciottenne, maggiore della sua vittima, è stato condannato all’ergastolo dopo aver ammesso l’uccisione della sua partner durante una festa a casa di un amico, il giudice per emanare la sentenza ha parlato di come la vita della ragazza sia stata stroncata, che non avrebbe mai assaporato quel che sarà l’esito o la sconfitta dopo un risultato, o andare all’università, essere dama d’onore alla festa di qualche amica o diventare adulta, ha anche detto che il giocatore ha buttato nella spazzatura la sua carriera.

Secondo la relazione fornita dalla polizia, lui l’avrebbe colpita con bel 60 coltellate divise tra testa, collo e corpo morta subito dopo intorno allì1:30 di notte del 9 giugno a causa delle ferite profonde e la perdita di sangue, non si esclude che lui sia sotto effetti di alcool o droghe.

Al momento lui faceva parte della accademia del club ed era molto vicino a firmare un contratto da professionista con la società.

Annunci
di Publionline2000 Inviato su Serie A