Riquelme, con 24 gol, supera Palermo come capocannoniere del Boca


Boca Junior naviga in buone acque nel gruppo 1 della Copa Libertadores vincendo contro il Nacional di visita e questo fa riprendere fiato.

Roman è diventato il capocannoniere nella storia del Boca in Libertadores. Lui che per tre volte ha vinto il torneo continentale e giocato in quattro finali, ha raggiunto 24 gol, superando di una reta Martin Palermo.

Per cominciare, è rotolato cosa giusta per entrambi a Boca Centenario di Montevideo. Circa una settimana prima nella Bombonera, Carlos Bianchi squadra sembrava incapace di danneggiare la nazionale uruguaiana. E che ha iniziato bene in termini di posizione, possesso e intenti.

A 20 minuti, Claudio Perez commesso un reato degno seconda carta contro Juan Albin, in modo che il Chiqui sinistra Boca con 10 e un rigore alla gamba sinistra di Ivan Alonso … che ha inviato la palla, indurito sopra la traversa.

Sollievo per gli argentini, uruguayani per la depressione a causa di questo errore monumentale. Deve essere stato per la diagnosi psicoanalitica nazionale ha cercato di dominare, ma era profonda e in poco tempo è diventato impigliato nella più grande ufficio Boca, Riquelme un romano che ha minacciato con un calcio di punizione e un altro colpo al portiere Jorge Bava.

Il romano ricamato nell’arte degli 11 metri per raggiungere il vantaggio intermedio Boca. Il nuovo carcere è stato commesso su Nicolas Burdisso Andres Scotti come afferrare palese e Riquelme colpo mancino di lasciare Nazionale con uno stato d’animo ancora più basso.

Boca, parte più tranquilla continuò a governare fino a che non resistette le forze, con la testa, che aveva perso il suo sforzo nazionale per porre rimedio alla situazione contro una squadra con un giocatore in meno. Salvataggio di una mossa pericolosa e un testa a testa Agustin Orion Gonzalo Beh, non autorizzato da parte l’arbitro erroneamente brasiliano Paulo Oliveira, sembrava facile per Buenos Aires per neutralizzare Montevideo, che era entrato in campo dopo la pausa con Alvaro Recoba cinese invece di Santiago Romero.

Un colpo di Israel Damonte, un buon gol annullato Ivan Alonso e la crescente pressione sulla zona xeneize-Ribair buona prestazione complessiva di Rodriguez al centro della difesa, erano avvertimenti che il punteggio si muovono.

Bianchi unito Pablo Ledesma (da Burrito Martinez) e Leandro Somoza (da Erviti) in cerca di controllo; Juan Carlos Blanco ricorso al Vicente Sánchez (da Albin) e Loco Abreu (per sempre) per lanciare l’attacco.

La valanga nazionale non era così, per il bene del Boca difesa e tempestiva tre interventi Agustin Orion nei pochi momenti critici per Carlos Bianchi, che ha compiuto l’altra guancia e restituito lo schiaffo che aveva ricevuto a casa . Riquelme subito 85 minuti (è stato fornito Caruzzo Matthias) e ha ricordato che lui può fare la differenza.

Annunci
di Publionline2000 Inviato su Serie A