Scandalo in Colombia dopo il maltrattamento di un animale in campo

Il giocatore panamense del Deportivo Pereira, Luis Moreno, mai avrebbe immaginato che il calcio che gli ha dato ad una civetta “con il fine di farlo volare”, secondo le sue stesse parole, nello stadio Metropolitano Roberto Melendez a Barranquilla le stava per portare più di un mal di testa e la richiesta di un’ordine di carcerazione.
La storia racconta che al 74.mo minuto un difensore passa la palla ad un altro ma viene intercettato da un gufo che in quel momento si era trovato per caso in quel settore.
La pallonata mette K.O. l’uccello e subito l’arbitro fermò il gioco. L’azione successiva è il calcione che Moreno li propina per buttarla fuori, immediatamente alcuni giocatori del Junior si sono scagliati contro l’autore di questo geste per chiedere spiegazioni di questo atteggiamento che lui considera come istintiva e che non ha misurato la forza con cui ha impattato l’animaletto.
Denunciato dagli animalisti che hanno chiesto subito di metterlo fuori rossa, ma lui scusandosi pubblicamente si comprometteva a coprire il costo del trattamenti di recupero del volatilema che purtroppo nella notte è morto per una insufficienza respiratoria, derivante da una patologia chiamata miopatia da cattura, che fa accumulare del acido lattico sul muscolo in seguito a stress in eccesso o manipolazione. L’animale è deceduto mentre lo liberavano. Il video abbiamo deciso di non metterlo.